News ed eventi

Link istituzionali

La Soprintendenza archivistica e bibliografica dell'Umbria e delle Marche, con sede in Ancona, è un organo periferico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. È stata istituita come Soprintendenza archivistica dell’Umbria e delle Marche con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 agosto 2014, n. 171, riunendo in un solo istituto le precedenti Soprintendenza archivistica per le Marche e Soprintendenza archivistica per l'Umbria.                                                      Il decreto ministeriale 27 novembre 2014, poi modificato dal decreto ministeriale 23 gennaio 2016, ha ridisegnato la distribuzione degli istituti periferici del MIBACT e, a partire dal 2016, ha conferito alle Soprintendenze archivistiche anche le funzioni in materia libraria, modificandone la denominazione in Soprintendenze archivistiche e bibliografiche. Le funzioni del nuovo istituto sono regolate dai suddetti decreti e dal «Codice dei beni culturali e del paesaggio» (decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni) e si svolgono attraverso attività finalizzate alla conoscenza e all'individuazione dei beni archivistici e bibliografici e alla loro protezione e conservazione per la pubblica fruizione. A tal fine gli uffici di Ancona e di Perugia esercitano funzioni di tutela e vigilanza sul patrimonio archivistico e bibliografico non statale conservato nel territorio regionale di propria competenza, in collegamento con la Direzione generale Archivi, con la Direzione generale Biblioteche e Istituti culturali e con il Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per le Marche e per l'Umbria. Sul territorio regionale umbro-marchigiano è conservato un rilevante patrimonio archivistico e bibliografico che costituisce fonte primaria per la conoscenza storica e la ricerca dal Medio Evo all'età contemporanea in ambiti di studio diversi.

Accesso Utenti

Social media

Motore ricerca